Home Page » Attivita' » Campagne » Premio in memoria di don Giovanni Nervo e don Giuseppe Pasini (III edizione) 
Giovedì 28 Settembre 2017
Premio in memoria di don Giovanni Nervo e don Giuseppe Pasini (III edizione)   versione testuale

Giunge alla sua III edizione il Premio dedicato a mons. Giovanni Nervo e a mons. Giuseppe Pasini. Visti il loro notevole apporto agli organismi Caritas e Fondazione Zancan da loro presieduti ed il loro impegno a promuovere lo studio delle tematiche concernenti la carità e la solidarietà in ambito ecclesiale e civile, dal 2015 è istituito in loro memoria e con l’approvazione della Segreteria Generale della CEI, il Premio Giovanni Nervo e Giuseppe Pasini "Teologia della carità e solidarietà", in forma di quattro borse di studio e di ricerca.
 
La finalità del Premio è duplice: promuovere lo studio e la ricerca su tematiche attinenti la carità nei risvolti teologico-pastorali, sociali e civili, e onorare l’opera e il pensiero di mons. Nervo e di mons. Pasini, sostenendo l’insegnamento e la riflessione sulla carità e sulla solidarietà all’interno delle realtà formative: Facoltà teologiche e Istituti di Scienze Religiose. Per attuare e promuovere l’iniziativa del Premio, viene costituito un Comitato cui spetta anche la responsabilità di assegnazione della borsa di studio.
 
Il Comitato, composto dai promotori e finanziatori dell’iniziativa, è formato da un delegato di Caritas Italiana, da un delegato della presidenza della CEI, dal Responsabile del Servizio Nazionale per gli Studi Superiori di Teologia e di Scienze religiose, da un rappresentante della Fondazione Zancan, presieduta sia da mons. Nervo che da mons. Pasini, e da un delegato del Vescovo della Diocesi di Padova, cui appartenevano entrambi.
 
Come partecipare al Premio - Scadenza bando 28/02/2018.
 
______________________________
La Conferenza Episcopale Italiana, su mandato di Paolo VI istituì nel 1971 la Caritas Italiana «al fine di promuovere, anche in collaborazione con gli altri organismi, la testimonianza della carità della comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica» (art. 1 Statuto della Caritas Italiana). Contestualmente, nominò come primo Presidente e poi Direttore mons. Giovanni Nervo, a cui è succeduto per due mandati mons. Giuseppe Pasini.