Home Page » Area Stampa » News » 2017 » Settembre » Messico: terremoto al largo del Chiapas, nuova allerta in America centrale 
 
Venerdì 8 Settembre 2017
Messico: terremoto al largo del Chiapas, nuova allerta in tutto il centro-America   versione testuale

Un violentissimo terremoto di magnitudo 8.2 con epicentro al largo del Chiapas ha causato vittime e danni in Messico, colpendo anche il Guatemala, in particolare la zona di Tacaná, e mettendo di nuovo in allerta anche per il rischio tsunami  - che fortunatamente sembra al momento rientrato -  tutta l'area centro-americana, già provata dall'uragano Irma e anche dall'arrivo dell'uragano Katia. Si tratta del terremoto più forte mai registrato nel paese dal 1985. Caritas Italiana ha subito espresso vicinanza e solidarietà alle Caritas locali con cui si tiene in contatto e, in coordinamento con la rete internazionale,  è pronta a sostenerne gli interventi per far fronte a questa nuova emergenza.
Gli aeroporti restano operativi, mentre le scuole sono state chiuse negli stati di: Chiapas, Oaxaca, Guerrero, Morelos, Puebla, Tabasco, Veracruz, Stato del Messico, Tlaxcala e Città del Messico.
La Caritas del Messico è in costante comunicazione con i referenti delle Diocesi e soprattutto nella zona di Oaxaca e del Chiapas sta cercando di dare aiuto nelle operazioni di evacuazione dalle coste. Padre Rogelio Narváez, segretario esecutivo della Pastorale sociale – Caritas della Chiesa messicana ha rferito che l'area è tra due fuochi: da un lato il terremoto, dall'altro proprio l'uragano Katia che è in arrivo ad est e coinvolge gli stati del Golfo del Messico, come Veracruz, Campeche, Tabasco.
Anche la Caritas Guatemala si è attivata per un monitoraggio della situazione e per far fronte alle necessità immediate.
La Conferenza episcopale del Messico ha invitato tutti alla preghiera e alla solidarietà con le persone colpite.