Libia   versione testuale
Circa il 90% del territorio libico è desertico o semidesertico. La popolazione si concentra lungo il più ospitale litorale mediterraneo, nelle città della costa, dove risiede il 90% degli abitanti. 
 
La situazione politica è cambiata radicalmente nel 2011, a seguito della rivolta popolare contro Gheddafi, appoggiata militarmente dall’Europa, che ne ha provocato la caduta e l'uccisione. Centinaia di migliaia di residenti, libici e immigrati, hanno abbandonato il Paese, rimasto in preda alle fazioni rivali. Da allora il Paese vive  una  situazione di instabilità, conflitti interni e violenze diffuse.  
 
La Chiesa cattolica in Libia è una "Chiesa di immigrati" relativamente numerosa prima del 2011, in quanto costituita soprattutto da lavoratori stranieri o rifugiati. Anche la situazione della Chiesa ha subito il mutamento del contesto socio-politico e il suo deterioramento, rimanendo una presenza estremamente minoritaria e molto limitata nella sua azione socio-pastorale.  Nonostante ciò vi è una ristretta equipe di Caritas Libia che opera con aiuti a migranti sub-sahariani che si recano alla Caritas per chiedere un sostegno per le necessità quotidiane.

Caritas Italiana è da anni accanto a Caritas Libia e appoggia gli interventi in corso in favore di migranti.
 
  

Per ulteriori informazioni
Ufficio Medio Oriente e Nord Africa (Area Internazionale), mona@caritas.it  

Come contribuire
Chi vuole sostenere gli interventi di Caritas Italiana (causale: "Libia")
può versare il proprio contributo tramite