Caritas e periferie   versione testuale
 
immagine periferieIl titolo del 37° Convegno nazionale delle Caritas diocesane, "Con il Vangelo nelle periferie esistenziali", richiama le parole di Papa Francesco pronunciate fin dall'inizio del suo pontificato e la sua costante attenzione a tutte quelle realtà di povertà, solitudine. Un impegno che è parte fondamentale dell'azione di animazione e di servizio delle Caritas e che per questo le chiama in modo specifico ad una riflessione e ad un confronto. dentro questo contesto rientra il tema più esplicito delle periferie metropolitane, un tema seguito da vari anni da Caritas Italiana con diversi approfondimenti.
 
Già nel 2007 è stato realizzato un approfondito studio condotto dal progetto nazionale "Aree metropolitane", con la Facoltà di Sociologia dell'Università Cattolica di Milano e le Caritas diocesane di Torino, Genova, Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Catania e Palermo. La ricerca ha riguardato dieci città per altrettanti quartieri sottoposti a capillare analisi, per due anni di confronto e di indagini sul campo. I risultati di questo lavoro sono stati raccolti nel testo "La città abbandonata. Dove sono e come cambiano le periferie italiane", edita da Il Mulino nel 2007.
 
Sulla scorta di questo studio, Caritas Italiana ha dato spazio poi alla progettazione e realizzazione, in ciascun quartiere, di opere segno da parte delle 10 Caritas diocesane, attraverso cui attuare strategie di intervento mirate in ciascun contesto.
 
Questo lavoro è confluito nel 2010 nella pubblicazione "Animare la città. Percorsi di community building" (Edizioni Erickson), curata da Patrizia Cappelletti e Monica Martinelli, ricercatrici della Facoltà di Sociologia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. E' stata questa una preziosa opportunità di sperimentazione, attraverso una ricerca-azione, di modalità di animazione territoriale in contesti caratterizzati da disgregazione, sfilacciamento dei legami sociali, isolamento, ma popolati anche da fermenti di socialità e pro positività da riscoprire e valorizzare.
 
Contemporanemanete è proseguita da parte di Caritas Italiana l’azione di sostegno  e accompagnamento alle dieci Caritas diocesane per la realizzazione delle opere segno.  In modo  particolare sono stati sostenuti i progetti di consolidamento delle opere realizzate dalle Caritas  di Milano, Genova, Napoli, Palermo, Roma e Torino.