Home Page » Area Stampa » News » archivio anni precedenti » Terremoto Nord Italia » L'impegno Caritas nella ricostruzione 
Approfondimenti:
 
Rassegna stampa:
"Italia Caritas" (giugno 2013 - .pdf)
"Italia Caritas" (luglio/agosto 2013 - .pdf)
TV2000 (1/07/2013)
TV2000 (14/08/2012)
TV2000 (1/08/2012)
Avvenire (5/10/2012)
Avvenire (17/08/2012)
Venerdì 19 Aprile 2013
Terremoto: l'impegno nella ricostruzione   versione testuale

 «La Chiesa vi è vicina e vi sarà vicina con la sua preghiera e con l'aiuto concreto… in particolare della Caritas». Una promessa che papa Benedetto XVI, ha ripetuto visitando i luoghi colpiti dal sisma che nel 2012, con due diverse forti scosse (20 e 29 maggio), ha messo a dura prova le popolazioni dell'Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. Più di recente papa Francesco ha ricordato «nella preghiera le popolazioni... colpite dal terremoto» e le ha «incoraggiate nella ricostruzione».
 
Anche in questa emergenza la pronta mobilitazione della rete Caritas – e i 3 milioni di euro subito stanziati dalla Conferenza Episcopale Italiana in fase di emergenza -  hanno consentito risposte ai bisogni immediati e l’attivazione di significative esperienze di gemellaggi.
 
Guarda il video racconto di Caritas Italiana sugli interventi realizzati nei territori colpiti dal sisma.
 
A Caritas Italiana complessivamente sono pervenute offerte per 10,7 milioni di euro, con i quali a due anni di distanza dal sisma, è stato possibile realizzare:
1) numerosi interventi di emergenza, primo aiuto e soccorso, gestiti direttamente dalle 7 diocesi coinvolte (complessivamente per oltre 3 milioni di euro).
2) 20 strutture polifunzionali (tra cui 18 Centri di comunità), per complessivi 7.600.000 euro, secondo quattro tipologie, da 150 a 330 mq, in riferimento alla popolazione e alle parrocchie coinvolte, con lo scopo di riaggregare e rafforzare il tessuto sociale. Il lavoro con il coinvolgimento delle Diocesi, dei parroci e delle comunità è stato così completato con la collaborazione fattiva di tutti i Comuni.
3) 12 interventi di ricostruzione gestiti direttamente dalle Diocesi (1.900.000 euro), di cui 1.100.000 euro nella Diocesi di Mantova dove non sono stati realizzati Centri di comunità.
4) 17 progetti di animazione e promozione socio economica destinati a famiglie, minori, anziani, piccole realtà imprenditoriali, inserimento lavorativo di fasce deboli, attività ricreative/sportive, per complessivi 1.100.000 euro.
  
Ricordiamo come sin dai primi giorni che sono seguiti al sisma le Caritas diocesane dell'Emilia Romagna hanno ricevuto numerosissime offerte di disponibilità a svolgere periodi di volontariato nelle zone terremotate da parte di persone di ogni età e professione. Volontari provenienti da tutta l'Italia si sono alternati nei turni organizzati dal Coordinamento regionale della Delegazione delle Caritas diocesane dell'Emilia Romagna, tramite l'esperienza dei gemellaggi tra le Regioni ecclesiastiche Italiane e le Diocesi colpite dal sisma, coinvolgendo 185 parrocchie e 17 zone pastorali.  Ogni delegazione regionale ha fatto varie visite nelle zone gemellate, incontrando i parroci, gli operatori  pastorali e l’équipe Caritas per definire un percorso che durerà nel tempo, un cammino condiviso tra chiese  sorelle che unisce l'aiuto materiale con il dono reciproco della relazione.
 
Inoltre, proprio per sottolineare il lavoro di tutte le Caritas in questa emergenza in spirito di comunione, l’incontro dei giovani in servizio civile del 12 marzo – San Massimiliano - nel 2013 si è svolto a Mirandola, diocesi di Carpi.
 
 
Come contribuire
Chi vuole continuare a sostenere gli interventi di Caritas Italiana (causale: “Terremoto Nord Italia 2012”) può versare il proprio contributo attraverso i
seguenti canali  
 

Foto Agenzia Sir (jpg)
01 - 02 - 03 - 04 - 05
06
- 07 - 0809 
    
Foto sulle zone del terremoto - Caritas Italiana (jpg):
01 - 02 - 03 - 04 - 05
06 - 07 - 08 - 09 - 10
 
 
Foto Centri di comunità - Caritas Italiana (jpg):