Home Page » Attivita' » Progetti » Africa » Progetto MilKy: l’oro bianco del Kenya 
Martedì 2 Luglio 2019
Progetto MilKy: l’oro bianco del Kenya   versione testuale

Da oltre un anno è in corso il progetto triennale “Milky” volto a sostenere lo sviluppo di una filiera lattiero-casearia di qualità e potenziare la produzione di 2000 micro-imprese in 4 sotto-contee di Kiambu nell’arcidiocesi di Nairobi, dove la Caritas locale da anni opera a sostegno dei piccoli allevatori.
 
Il progetto, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, è promosso in sinergia da Caritas Italiana, dall’Organizzazione Non Governativa CELIM Milano e da Caritas Nairobi e conta sulla collaborazione di alcuni esperti del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università degli Studi di Milano e dell’Associazione Unione degli Operatori di Fecondazione Artificiale Animale
 
Il progetto coinvolge 2.000 piccoli allevatori selezionati in base a criteri di vulnerabilità ed aderenza ad alcune condizioni tecniche necessarie per l partecipazione all’iniziativa. Nello specifico, le attività sono volte a migliorare ogni anello della filiera, dalla produzione del foraggio, all’allevamento bovino sino alla trasformazione e alla commercializzazione dei prodotti lattiero-caseari, incrementando il valore economico a vantaggio degli allevatori e al contempo potenziando la sostenibilità ambientale.
 
Le principali azioni del progetto in parte già realizzate ed altre in corso di attuazione sono le seguenti:
  • Corsi di formazione su nutrizione animale, tecniche di allevamento, nozioni di zootecnia e para-veterinaria, fornitura di sementi foraggere e seme sessato.
  • Sviluppo di un sistema idrico efficiente.
  • Aumento della conoscenza e dell’utilizzo di fonti rinnovabili tramite anche l’installazione di digestori di biogas e piantumazione di 100.000 alberi per compensare le emissioni di Co2.
  • Formazione dei membri esecutivi delle micro imprese su uguaglianza di genere, leadership, contabilità e gestione aziendale, al fine di garantire ownership e autonomia una volta terminato il progetto.
  • Fornitura di servizi per accesso al credito tramite realtà di micro finanza esistenti.
  • Creazione di 5 hub di raccolta del latte.
  • Inserimento di tutti gli allevatori in un sistema formale di vendite che possa garantire maggiori garanzie di guadagno.
  • Potenziamento dell’unità di lavorazione del latte presso la Limuru Archdiocesan Farm e strutturazione del reparto commerciale.
  • Formazione dello staff della Limuru Arch. Farm.
 
Come contribuire
Chi vuole sostenere gli interventi di Caritas Italiana (causale: “Kenya”) può versare il proprio contributo seguendo queste indicazioni.